#corriRita, un Iban per aiutare Giancristofaro a ripartire

#corriRita, un Iban per aiutare Giancristofaro a ripartire

È attivo da oggi il codice Iban IT96Y0303202200010000111655, con la causale #corriRita, attivato da Apd Miramar presso la banca Credem di Trieste per contribuire a sostenere il lungo e gravoso percorso di riabilitazione che attende la runner Rita Giancristofaro, abruzzese di nascita ma ormai triestina a tutti gli effetti, rimasta coinvolta lo scorso 14 agosto nel crollo del Ponte Morandi a Genova.

Dopo il ritorno a Trieste del fidanzato Federico Cerne, ora ricoverato all’Ospedale Maggiore, grazie a un trasporto straordinario organizzato dalla Regione, il mondo della corsa giuliano e tutta la città attende con ansia quello di Rita che, in quanto libera professionista attiva nel settore immobiliare, avrà bisogno di essere sostenuta anche economicamente, soprattutto in questa prima fase.

“La Rita runner – spiega Fabio Carini, presidente di Apd Miramar – è nata e cresciuta a Trieste e vogliamo rivederla quanto prima in gara considerando che, prima dell’incidente, stava preparando l’ennesima mezza maratona. Ringrazio Omar Fanciullo, Graziano Ferlora e tutti gli altri presidenti delle società podistiche triestine che hanno immediatamente condiviso con noi questa esigenza, o meglio questa opportunità di aiutare una nostra concittadina che nella corsa e nello sport in generale ha trovato stimoli, valori ed energia vitale”.

“Complimenti e grazie – conclude Carini – anche all’Alma pallacanestro Trieste che, attraverso il suo ad Gianluca Mauro, ha confermato la massima attenzione nei confronti di Cerne, inserito nello staff ufficiale della società, ma ha anche condiviso questa iniziativa rivolta alla sua compagna di vita, Rita”.

“Ora – conclude Carini – invitiamo tutta la città e non solo a dimostrare quanto, nel momento del bisogno, siamo in grado di essere in prima linea, compatti quanto concreti”.